Arte PaRDeS

Squarci nelle tenebre

I lupi di Alberto Salvetti

A PaRDeS in occasione del concerto di domenica 6 novembre “In viaggio con Goethe” sono arrivati direttamente dal Parco di Palazzo Vertemate di Chiavenna anche i lupi  di Alberto Salvetti​ e non poteva essere altrimenti visto “la serata da lupi” di sabato scorso! L’installazione a tecnica mista 1:1 è realizzata prevalentemente con fogli del Giornali di Vicenza in cui sono presenti articoli che parlano del ritorno dei lupi nella zona.

La serata sui Lieder di Goethe musicati da Mozart, Beethoven, Schubert, Brahms, Liszt, Mendelssohn, Schumann e Wolf è stata un’introduzione al prossimo evento a PaRDeS: la Maratona poetica di domenica 13 novembre guidata da Alessandro Cabianca, a partire dalle ore 17 e Finissage della mostra “Squarci nelle tenebre” con  lettura di poesie di autori vari sul tema dell’oscurità e della luce:

Flor Aristimuño, Adriana Bertoncin, Antonella Barina, Alessandro Cabianca, Alessandro Cadamuro, Francesco Dal Corso, Giovanni Da Lio, Gianfranco Gambarelli, Virginio Gracci, Laure Keyrouz, Paola Minto, Riccardo Misto, Beppe Mosconi, Marina Montagnini, Giuseppe Nigretti, Oliva Novello, Josef Pjetri, Davide Antonio Pio, Alberto Princis, Giuseppina Simeoni, Alberto Sordi, Maristella Tagliaferro, Laura Voghera Luzzatto.

I lupi di Salvetti il concerto e la maratona poetica

Maratona poetica – finissage mostra

Domenica 13 novembre 2016, a partire dalle ore 17

Maratona poetica guidata da Alessandro Cabianca, idealmente dedicata a Leonard Cohen.

Addio a Leonard Cohen Repubblica

Leonard Cohen su youtube
Finissage della mostra “Squarci nelle tenebre” con lettura di poesie di autori vari sul tema dell’oscurità e della luce, in relazione alle sue varie fonti e alle sue molteplici manifestazioni, in linea con il tema della mostra “Squarci nelle Tenebre”:

Flor Aristimuño, Adriana Bertoncin, Antonella Barina, Alessandro Cabianca, Alessandro Cadamuro, Francesco Dal Corso, Giovanni Da Lio, Gianfranco Gambarelli, Virginio Gracci, Laure Keyrouz, Paola Minto, Riccardo Misto, Beppe Mosconi, Marina Montagnini, Giuseppe Nigretti, Oliva Novello, Josef Pjetri, Davide Antonio Pio, Alberto Princis, Giuseppina Simeoni, Alberto Sordi, Maristella Tagliaferro, Laura Voghera Luzzatto.

A quest’ultimo evento si unisce anche l’istallazione “Branco di lupi” di Alberto Salvetti, giunti in occasione del concerto di domenica 6 novembre “In viaggio con Goethe” direttamente dal Parco di Palazzo Vertemate di Chiavenna. L’installazione a tecnica mista 1:1 è realizzata prevalentemente con fogli del Giornali di Vicenza in cui sono presenti articoli che parlano del ritorno dei lupi nella zona.

Evento di “Squarci nelle Tenebre”

A cura di Maria Luisa Trevisan

In viaggio con Goethe

Domenica 6 novembre 2016 ore 18

In viaggio con Goethe

Concerto con Argit Butzke Caldura, soprano, ed Alessandra Semenzato, pianoforte, a PaRDeS. Lieder su testi di Goethe, viaggio nei sentimenti attraverso le poesie di questo grande scrittore, musicate da vari autori: Mozart, Beethoven, Mendelssohn, Schubert, Schumann, Liszt, Brahms e Wolf.

Ingresso libero su prenotazione (posti limitati).

In viaggio con Goethe

Un viaggio ideale nel mondo dei sentimenti attraverso lo sguardo di questo straordinario poeta e conoscitore dell’animo umano. Interpretati da diversi autori che, nei secoli, si sono lasciati sedurre da un certo messaggio universale che nelle poesie di Goethe ancora oggi ci parla.

Alessandra Semenzato suona un Minuetto in Sol maggiore di J. S . BACH al pinofortino d’epoca (1870 circa) a PaRDeS il 6 novembre a conclusione del concerto. Riprese video di Paolo Milan

Comunicato  stampa In viaggio con Goethe

24 Libretto Lieder per 06-11-2016

Afa – una fuga per voce sola

Domenica 16 ottobre 2016 ore 18
Afa – una fuga per voce sola,
monologo di Samuele Busolin su testo di Ermanno Fugagnoli,
regia di Massimo Pagan, a PaRDeS.

Ingresso libero su prenotazione (posti limitati).

Si tratta del monologo di un conte sessantenne, discendente da un’antica famiglia veneziana, il quale si rivolge ad un ascoltatore attento e silenzioso, con un discorso che nel suo sviluppo assume sempre più la forma di una libera variazione e improvvisazione su temi che sono i suoi riferimenti esistenziali, quelli della venezianità nel senso più ampio, visti attraverso gli occhi del personaggio, che richiama figure archetipiche come quelle dell’avaro, del misantropo e del vecchio brontolone (Sior Todero). Afa è stato tutto scritto attingendo alla tecnica delle scrittura per libera associazione che viene usata in psicologia per far emergere contenuti inconsci e rappresenta un punto d’incontro tra musica e letteratura. L’autore non solo appare influenzato dalla musica, ma ricerca l’applicazione letteraria delle forme musicali nello scrivere, con particolare riferimento alla fuga e al contrappunto. Afa è un’architettura di rimandi e sovrapposizioni contrappuntistiche che ne fanno un concerto per voce umana, una vera e propria applicazione letteraria di strutture specificamente musicali. L’autore cerca la stratificazione dei temi così come avviene nel contrappunto e la sovrapposizione polifonica delle linee tematiche. E’ affascinato dall’effetto corale di più voci che, attraverso l’uso di risonanze narrative, danno l’impressione di emergere contemporaneamente. Le Voci si rincorrono e s’intrecciano in un gioco di richiami, imitazioni e variazioni che nella scrittura ottiene con stratagemmi sintattici. In sostanza un effetto ritmico e sonoro che suscita nel lettore l’impressione di sentire emergere dalla pagina lo scorrere di una vocalità polifonica che provoca gli stessi impulsi emotivi che si sperimentano nell’ascolto di un brano musicale con un simile andamento costruttivo.

samuele-busolin massimo-pagan ermanno-fugagnoli

scheda spettacolo Afa Una fuga per voce sola

“Afa – una fuga per voce sola”, trailer registrato a PaRDeS da Sandro Gasparini in occasione della messa in scena del monologo “Afa – una fuga per voce sola”,
di Samuele Busolin su testo di Ermanno Fugagnoli,
regia di Massimo Pagan, a PaRDeS.

 

Dodicesima Giornata del Contemporaneo

Sabato 15 ottobre PaRDeS aderisce alla Giornata del Contemporaneo con Squarci nelle Tenebre.

Apertura degli spazi sia a Venezia, Art Factory (10.30-19.30), che a Mirano, PaRDeS (10.30 – 18.30)

Anche quest’anno PaRDeS aderisce sabato 15 ottobre 2016 alla proposta dell’AMACI di aprire i propri spazi per la Dodicesima Giornata del Contemporaneo, la grande manifestazione organizzata ogni anno per portare l’arte del nostro tempo al grande pubblico.
marco-rostellato-against-the-terrorism

L’immagine di questa dodicesima edizione, Preghiera per l’Europa creata da Emilio Isgrò appositamente per la Giornata del Contemporaneo 2016, coincide, in modo particolare nei contenuti, con l’esposizione Squarci nelle tenebre, e possiamo accostarla a diverse opere presenti in mostra a PaRDeS, con le quali condivide la riflessione sulle divisioni e sulla necessità di recuperare dal profondo quel senso di inclusione, quella capacità di sentirsi uniti e fare fronte comune che permette di costruire, anziché distruggere, e di essere più forti di fronte alle difficoltà.

comunicato stampa giornata del contemporaneo squarci nelle tenebre

Riapertura della mostra Squarci nelle Tenebre

Squarci nelle Tenebre

A cura di Maria Luisa Trevisan

Riapertura della mostra (inaugurata il 29 maggio) dopo la pausa estiva Dal 14 settembre al 13 novembre presso gli spazi PaRDeS-Laboratorio di Ricerca d’Arte Contemporanea, Mirano (VE), Via Miranese 42.

Venezia, Art Factory, 31 agosto – 15 ottobre 2016

Mirano, PaRDeS, 14 settembre – 13 novembre 2016

Bobo_Invancich_Chrysler_building_dettaglio
Nei vari spazi espositivi sono esposte opere di: Romano Abate, Rudy Barborini, Ariela Böhm, Fabio Bolinelli, Stefano Bonato, Alessandro Cadamuro, Alessandro Cardinale, Franco Cimitan, Anna Colitti, Franco Corrocher, Saul Costa, David Dalla Venezia, Paolo della Corte, Alberto Di Fabio, Enas Elkorashy, Nicola Evangelisti, Roberto Fontanella, Luigi Gattinara, Giovanni Giupponi, Cristina Gori, Nicholas Herdon, Bobo Ivancich, Laure Keyrouz, Abdallah Khaled, Raimondo Lorenzetti, Federica Marangoni, Maruzza, Mia Battaglia, Anastasia Moro, Aldo Pallaro, Pain Azyme, Barbara Pelizzon, Günter Pusch, Tobia Ravà, Ana Maria Reque, Marco Rostellato, Annamaria Targher, Cesare Vignato, Luigi Viola, Massimo Zanta.

A Mirano visite su prenotazione da mercoledì a domenica dalle ore 16 alle 19 tel./fax 041/5728366 cell. 349 1240891; artepardes@gmail.com. Dal 31 agosto al 15 ottobre 2016 presso l’Art Factory di Tobia Ravà Fondamenta dell’Arzere Dorsoduro 2324 a Venezia. Orari di apertura: da mercoledì a venerdì 16.00-19.00. Sabato 10-13 (in altri orari telefonare al 3457830244). Dopo i fatti di Dakka, Orlando, Dallas, Nizza, Ruen, Würtzburg, quello che sta accadendo in Turchia, Siria, Yemen e in tante altre parti del pianeta, il tragico incidente ferroviario in Puglia e il devastante terremoto nel Centro Italia, pensiamo purtroppo che la mostra sia ancora molto attuale. Anche se speravamo di essere superati da eventi di altro tipo (positivi ovviamente!) e che il fondo fosse già stato toccato. E invece non c’è mai fine al peggio!

comunicato stampa riapertura mostra Squarci nelle tenebre

Presentazione libro “Pablo quando le ferite si misurano con la vita”

Mercoledì 29 giugno 2016 ore 21
a PaRDeS

Presentazione libro “Pablo quando le ferite si misurano con la vita” di Claudia Dominguez da parte dell’autrice e di Tobia Ravà (che è l’autore dell’immagine in copertina), L’autrice scrive è “Il mio primo romanzo psicoanalitico. Forse ci rivela qualcosa della materia di cui siamo fatti: i nostri sogni, nostri desideri, le nostre parti oscure.”

Intervento lirico del tenore Leon Viola.

invito_pablo

comunicato stampa presentazione libro Pablo quando le ferite si misurano con la vita

Copertina del Libro di Maria claudia Dominguez Pablo quando le ferite si misurano con la vita

curriculum artistico del tenore Artistico Leon Viola

 

rappresentazione “L’inghiottitoio”

Giovedì 23 giugno 2016 ore 21

L’Inghiottitoio

dramma corale in tre atti di Davide Antonio Pio

con Davide Dolores, Anja Meyer, Maurizio Santamaria, Gianluca Marino, Simone Toffanin, Eleonora Del Pizzo, Natalia Piovan, Fides Karo, Elena Sparacino

con la partecipazione straordinaria di TOBIA RAVÀ

locandina_Inghiottitoio_Pio_al_PaRDeS

Mariachiara Mazzucato ha la direzione artistica, Silvia Costantini è la scenografa, Fabio Ferrato è il truccatore, Diego Feltrin è il fotografo, Mario Marino è l’elettricista, Jesai Fabiane è il consulente umanistico.

Ingresso gratuito fino ad esaurimento posti.

comunicato stampa  L’inghiottitoio a PaRDeS Mirano