Arte Pardes

Progetto Arca

Evento “LUOGHI di PASSAGGIO” – reading/sounds/visuals a PaRDES

Domenica 27 Ottobre 2013 ore 18

evento “LUOGHI di PASSAGGIO” –
reading/sounds/visuals a PaRDES, Mirano.

luoghi_di_passaggio

I Luoghi di Passaggio sono stanze testimoni del nostro andare.Spazi nei quali passare e riporre quell’indefinito che ci è servito e che potrebbe tornare utile in un futuro difficilmente immaginabile.

Pensieri, frasi scritte al momento, getti violenti di passione raffreddata nel tempo dell’attesa, dialoghi tra amici sussurrati tra le pieghe di notti mai simili le une alle altre.

Mirco Salvadori – testo e reading

Rossana Valier – reading

Mario Marino – sound designer

Luis Filipe Cunha – visual artist

Progetto ARCA comunicato stampa Luoghi di Passaggio

Racconti e poesie da un’idea di Giuseppe Bovo

Giovedì 17 ottobre 2013 ore 20.30 Parole in Arca.

Racconti e poesie da un’idea di Giuseppe Bovo.

C’è un fermento notevole in campo narrativo. Si stanno raggiungendo risultati veramente pregevoli sia in termini stilistici che in termini di contenuto. E però mancano momenti e spazi in cui chi scrive possa confrontarsi direttamente e con immediatezza con un pubblico.
Pardes con “PAROLE IN ARCA” vuole essere uno di questi spazi e il Progetto Arca uno di questi momenti.
“Parole in Arca” è un’iniziativa nata da un’idea di Giuseppe Bovo, che ha messo insieme e coordinato un gruppo di scrittori, che hanno accettato di interpretare il mito dell’Arca di Noè attraverso la parola. Alcuni racconti, in prosa e in versi, tutti originali, vengono proposti nella serata del 17 ottobre direttamente da chi li ha scritti presentando la loro personale visione del mondo dentro al più vasto Progetto Arca di PaRDeS.Gli scrittori che parteciperanno sono:Giuseppe Bovo, Mariella Favaretto, Giovanni Golfetto, Espedita Grandesso, Antonio Varchetta, Claudia Vio.

L’iniziativa è organizzata nell’ambito dell’esposizione “Progetto Arca. Una scelta per il futuro”, prima e dopo l’incontro sarà possibile visitare la mostra.
L’immagine dell’evento, “Arca nostrana” 2013, è di Bobo Ivancich de la Torriente.

Bobo-Ivancich-De-La-Torriente_Arca-nostrana

Progetto ARCA comunicato stampa Parole in arca

incontro con Roy Doliner Da’at: l’arca della Sapienza

Domenica 13 ottobre 2013 ore 21
Roy Doliner Da’at: l’arca della Sapienza

presso PaRDeS – Laboratorio di Ricerca d’Arte Contemporanea,
via Miranese 42 – Mirano.

Roy_Doliner

Noi conosciamo tutti la storia più universale al mondo, quello del diluvio universale e l’Arca. Quasi nessuno, però, è consapevole che c’erano tante altre Arche nella storia – arche arcane disegnate con l’obbiettivo di conservare non gli animali, ma la sfera mistica di Da’at, l’attributo divino della Sapienza nella Kabbalah.

Roy Doliner, autore dei libri I SEGRETI DELLA SISTINA e IL DISEGNO SEGRETO: il Messaggio della Kabbalah nell’Arte d’Italia, ci parlerà di questa storia tanto affascinante quanto sconosciuta – e tutta vera.

Progetto ARCA comunicato stampa Roy Doliner Da’at

Incontro musicale con Gianluigi Cavaliere

Sabato 5 ottobre 2013 ore 21

Incontro musicale con Gianluigi Cavaliere:
NON PORTANO SEGNI VISIBILI …..!
I Poeti nella Canzone Letteraria.

Gianluigi_Cavaliere_Non_portano_segni_visibili

In occasione della Nona Giornata del Contemporaneo l’Associazione Culturale Concerto d’Arte Contemporanea è lieta di invitare alla visita della mostra Progetto Arca. Una scelta per un mondo futuro, a cura di Maria Luisa Trevisan e dell’atelier di Tobia Ravà.

Progetto ARCA comunicato stampa Nona Giornata del Contemporaneo

cs_IX_Giornata_del_Contemporaneo_e_GL_Cavaliere

 

Concerto di Claudio Ronco ed Emanuela Vozza

Domenica 29 settembre 2013 ore 17.30 e Giovedì 3 ottobre ore 21

Lo sguardo della musica, Claudio Ronco ed Emanuela Vozza (violoncelli). Esecuzione dei brani musicali registrati nella sala espositiva di PaRDeS ad inizio 2013.

Ronco_Vozza_ Tobia_Rava

“Guardare una partitura musicale, per noi, è come guardare un paesaggio o una figura attraverso la pittura di Tobia Ravà: le note sul pentagramma sono come le lettere ebraiche e i corrispondenti numeri presenti nei suoi dipinti, dove, componendo l’immagine per gli occhi, esse aprono nella mente visioni che muovono verso l’infinito svolgimento dell’interpretazione.

Per questo, tra febbraio e aprile di quest’anno, io e la mia compagna Emanuela Vozza abbiamo voluto incidere la nostra musica a due violoncelli classici proprio fra le opere di Tobia, nella sala in cui ogni anno sono esposti i lavori artistici creati a seguito delle proposte e degli stimoli di PaRDeS.

Abbiamo inciso 26 Sonate di diversi compositori violoncellisti dell’epoca di Mozart, che saranno riunite in sei CD dal titolo: “Lo Sguardo della Musica”, quasi fossero il “ritratto” di una melodia ineffabile, al di là del tempo e della Storia; come se quella musica ci spiasse attraverso lo spiraglio di una porta semichiusa, oltre la quale è un mondo non ancora nato, ma immaginato in un’epoca che ha potuto soltanto lasciarci in eredità il suo sogno: quello della ricerca di Bellezza nelle arti come ritrovamento di un Paradiso perduto, o di una perduta, perfetta innocenza, nel quale immaginare a nostra volta una nuova e diversa armonia del vivere e guardare verso altri mondi possibili.

Ciò che abbiamo a cuore, oggi, è di restituire alle arti e alle loro particolari discipline la loro originale capacità di interagire, cancellando così le distanze e differenze dei loro prodotti, mostrando come l’opera d’arte, in ultima analisi, sia sempre qualcosa di superiore al mero oggetto che la veicola. Convinti che il nostro  lavoro sia un contributo onesto e autentico a questa ambizione, ringraziamo di tutto cuore Tobia Ravà e Maria Luisa Trevisan per averci accolti e aver appoggiato questa impresa con amore e rispetto. A loro la dedichiamo con riconoscenza”.

Claudio Ronco e Emauela Vozza, violoncellisti.

Progetto ARCA comunicato stampa concerto Ronco e Vozza

Incontro evento con Claudio Ambrosini e Anna Maria Corradini

Domenica 22 settembre 2013 ore 21
Eros, musica e filosofia
. Incontro-evento con Claudio Ambrosini e Anna Maria Corradini.

Ambrosini_leone_d_oro

“Se è vero che l’uomo non sarebbe tale se non pensasse è altrettanto vero che non sarebbe tale neppure a prescindere dall’insaziabile demone di eros” (Romano Gasparotti, Filosofia dell’eros, L’uomo, l’animale erotico, Bollati Boringhieri, Torino, 2007, p. 17)

Il dialogo tra Anna Maria Corradini e Claudio Ambrosini su Eros, musica e filosofia, farà riferimento ad alcune opere musicali create dall’autore, come ad esempio Il Canto della pelle (SEX Unlimited) di cui è stato scritto: “Se il Logos è il fulcro di Big Bang Circus (In principio era il Verbo, parte centrale di una trilogia operistica di cui fa parte Il Canto della pelle (SEX Unlimited) e il Suono è invece ciò che salverà l’Umanità nel divertissement conclusivo, questa volta il Contatto – fisico, la «scintilla che unisce» – è il soggetto indagato nel pannello centrale: Il Canto della pelle (SEX Unlimited) ha dunque per tema l’Energia Vitale, l’Eros, il Sesso, inteso come forza scatenante, come energia attrattiva che produce vita sempre e ovunque (negli esseri animati come nella materia), tra il Primissimo Giorno e l’Ultimissimo: maschile-femminile, plus-minus, x-y, yin-yang. (da Il Canto della pelle (SEX Unlimited) di Claudio Ambrosini. La Fondazione Beaumarchais premia il musicista veneziano” di Patrizia Parnisari, in “Contemporanea”, p.40).

Progetto ARCA comunicato stampa incontro con Ambrosini Corradini

Letture da Irène Némirovsky

Venerdì 20 settembre 2013 ore 18.00

I GIORNI DELL’ORO E DEL SANGUE

image005

Letture da Irène Némirovsky

con Marilè Angelini, Renata Cibin, Ilaria Morelli, Anna Volpato, Claire Julia Wilson a cura della Compagnia delle Smirne. Realizzazione di Renata Cibin.

I brani selezionati (tratti dai romanzi “Il ballo”, “David Golder”, “Jezabel”, “I cani e i lupi”, “I falò dell’autunno”, “Suite francese”) individuano tre personaggi della saga familiare dell’autrice: la figlia, la madre odiata e il padre disperato, e due figure di narratrici che evocano lo sfondo storico-antropologico dei pogrom e delle due guerre mondiali.

Il coro conclusivo a cinque voci è tratto da “I doni della vita”.

Come nelle precedenti letture sceniche della compagnia, costumi e scenografia minimalista suggeriscono sinteticamente e/o simbolicamente il contesto ricorrente nelle opere di Némirovsky, mentre le musiche di scena rimarcano il senso profondo di alcuni passaggi delle letture.

PaRDeS – Laboratorio di Ricerca d’Arte Contemporanea, via Miranese 42 – Mirano.

Progetto ARCA_comunicato stampa letture Nemirovsky

Incontro con Khaled Fouad Allam e Maria Luisa Crosina

Giovedì 11 luglio 2013 ore 18.30
Arte, salvezza e rivoluzione. Il caso delle “Primavere arabe”.

P1240584_s
Incontro con Khaled Fouad Allam, Facoltà di Scienze Politiche dell’Università di Trieste, e Maria Luisa Crosina, saggista.

L’Associazione culturale Concerto d’Arte Contemporanea è lieta di presentare l’incontro presso lo PaRDeS – Laboratorio di Ricerca d’Arte Contemporanea.

Sul tema Khaled Fouad Allam ha pubblicato: “Avere vent’anni a Tunisi e al Cairo. Per una lettura delle rivoluzioni arabe” (Marsilio, 2013).

Fouad_Allam_Avere_vent_anni

L’autore intratterrà un dialogo con Maria Luisa Crosina. Saranno lette delle poesie di autori vari dedicate alla pace e ascoltati alcuni brani musicali di Hezi Fanian (Salam e Hagheh Ma), musicista di origine persiana, e di Aldo Salvottini (musiche per Colibrì, Sussurro angelico, Ombre d’olivo, My Life, Flower). Il discorso s’intreccerà inoltre con le opere eseguite a quattro mani da Abdallah Khaled e Tobia Ravà, che dal 2002 propongono ogni anno un’opera sulla pace realizzata insieme, per affermare che la collaborazione e la convivenza pacifica è possibile e praticabile, come mostra l’opera Sulla stessa barca (nella tempesta), realizzata per la mostra in corso “Progetto ARCA”, a cura di Maria Luisa Trevisan, nell’ambito della quale si terrà l’incontro, presso PaRDeS, via Miranese 42 Mirano (Venezia).

Progetto ARCA comunicato stampa incontro con Khaled Fouad Allam

Thursday, July 11 18:30 Art, salvation and revolution. The case of the “Arab Spring.” Meeting with Khaled Fouad Allam, Faculty of Political Science, University of Trieste, and Maria Luisa Crosina, essayist.

Download press release meeting with Khaled_Fouad_Allam

Presentazione del libro di Francesca Nodari: Storia di Dolores. Lettera al padre che non ho mai avuto

L’Altro nell’arca. Dialogo tra Francesca Nodari ed Enrico Gusella.

Domenica 7 luglio 2013 ore 20.30

F. Nodari, Storia di Dolores. Lettera al padre che non ho mai avuto (Pagine Editore, Roma 2013).

Storia-di-Dolores-copertina

Presentazione del libro di Francesca Nodari: Storia di Dolores. Lettera al padre che non ho mai avuto (Pagine Editore, Roma) che si terrà domenica 7 luglio 20.30 presso lo PaRDeS – Laboratorio di Ricerca d’Arte Contemporanea.

L’autrice intratterrà un dialogo sul tema “L’Altro nell’arca” con Enrico Gusella.

L’incontro è organizzato nell’ambito dell’esposizione d’arte contemporanea “Progetto ARCA”, a cura di Maria Luisa Trevisan, PaRDeS, via Miranese 42 Mirano (Venezia).

Progetto ARCA comunicato stampa presentazione libro Nodari

Presentazione del video-film di Sirio Luginbühl e Francesco Mazzucato

L’Arca della passione

Giovedì 4 luglio 2013 ore 18.30-10.30

Presentazione del video-film di Sirio Luginbühl e Francesco Mazzucato con la collaborazione tecnico-artistica di Marco Speranza con Elisa De Marchi e Lisa Parolo, girato nella struttura originale e stravagante: Park Arcobaleno di Roberto Marconato. 27’

Park_Arcobaleno

L’incontro è organizzato nell’ambito dell’esposizione d’arte contemporanea “Progetto ARCA”, a cura di Maria Luisa Trevisan, PaRDeS, via Miranese 42 Mirano (Venezia).

Il video film girato da Sirio Luginbühl, filmaker e storico del cinema, e Francesco Mazzucato, operatore che agisce tra video e arte, coinvolge Elisa De Marchi e Lisa Parolo, curatrici ed esperte d’arte, che per l’occasione sono state trasformate in attrici. Una veste i panni della visitatrice che entra curiosa in questa originale e stravagante arca, definita dal suo artefice, Roberto Marconato, Park Arcobaleno, per essere un luogo fantasmagorico e colorato come un “luna park”.

L’altra invece compare solo ad un certo punto del film, sorgendo da un angolo come parte integrante della struttura e, come un moderno Virgilio, funge da guida alla prima, accompagnandola all’interno della casa come in un viaggio surreale, inglobandola alla fine dentro di sé con un bacio. Le due ragazze attraverso un originale processo di plastificazione sono trasformate in esseri artificiali, cyborg, organismi cibernetici, oggetti, parti integranti di questa stravagante arca che contiene passato e futuro.

Progetto ARCA_comunicato stampa presentazione video Marconato